Varianti di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA)

Varianti di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA)


        Vai a pagina: 1 2 3 4 5

Varianti di Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA)

Una delle varianti più comuni riscontrate nella ns casistica, è rappresentata dall’invasione di una specifica area cerebrale da parte di neutrofili o altri componenti del sistema immunitario penetrati al di là della barriera emato-encefalica per apertura della stessa durante una infezione a base virale o batterica presente in ambito sistemico, con innalzamento della temperatura superiore a 38,5°C.

Si constata molto bene l’emissione di interferoni nell’area cerebrale invasa, come pure di myeloperossidase che denuncia l’emissione di acido ipocloroso da parte di neutrofili infiltrati, nonché di 5-chlorouracyl, marker di danno al DNA di origine infiammatoria. La presenza di albumina conferma l’apertura della barriera.  In questi casi i markers classici della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) indicati più in alto, sono assenti, ad eccezione dei neurotrasmettitori e di qualche citochina infiammatoria. E’ interessante notare la frequente presenza di IL-10 e BC che bloccano le caspasi 3 e 7 distruttrici dei substrati proteici delle cellule per le quali è richiesta un’attivazione del un processo apoptotico. Riteniamo che in tal modo la difesa da parte della microglia non possa aver luogo, con prosecuzione del danno provocato sia dai microbi, sia dai neutrofili invasori.  L’eliminazione dell’espressione dei neurotrasmettitori inibitori GABA, glicina ed anche cortisolo, presenti nell’area invasa per contrastare le catecolamine eccitatrici legate alla somatizzazione del trauma, porta alla eliminazione anche dell’IL-10 o BCL-2, e quindi allo sblocco del sistema immunitario.

Abbiamo potuto constatare che questa variante è quella che a livello clinico porta al più rapido degrado delle prestazioni del paziente.

Altra interessante variante è rappresentata dalla presenza in area tronco encefalico, di sostanze chimiche, tipicamente anticrittogamici, protettivi degli elettrodi per saldatura, metalli di transizione o pesanti e solventi. Nei dentisti che rimuovono otturazioni in amalgama abbiamo più volte constatato la presenza di mercurio con conseguenze gravi.  Gli addetti alla saldatura, specie in ambito navale, con uso massiccio di elettrodi, accumulano una sostanza di rivestimento dell’elettrodo piuttosto tossica. Gli addetti allo spargimento di anticrittogamici od operatori agricoli che operano su terreni trattati, mostrano la presenza sempre in ambito del tronco encefalico, di molte sostanze comunemente usate come antifungo, insetticide, larvicide, etc..

In tutti questi casi, l’inizio della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) è stato comunque correlato con eventi generatori di traumi psichici, pertanto, fino ad oggi, nessun caso si è dimostrato al di fuori della motivazione base già esposta della malattia: somatizzazione di un trauma psichico in accordo con le leggi di Hamer.

Vai a pagina: 1 2 3 4 5